Site icon Emergenza24.ch

Una nuova molecola studiata contro l’influenza potrebbe avere effetti anche contro il coronavirus

Secondo gli autori della Purdue University, l’approccio potrebbe essere efficace anche contro il coronavirus. La ricerca è ancora agli inizi e non sul Covid-19 ma sull’influenza causata da virus influenzali

Una nuova terapia contro l’influenza potrebbe essere studiata anche per combattere altri virus, incluso il coronavirus Sars-Cov-2 e l’Hiv. Ad affermarlo, oggi, è un gruppo della Purdue University, negli Stati Uniti, che ha sintetizzato una nuova molecola antinfluenzale, frutto della combinazione di due composti già noti. I due composti sono un antivirale e una piccola molecola che se legata a un’altra con particolari caratteristiche riesce a stimolare la produzione di anticorpi. Il composto realizzato, descritto in una ricerca su Nature Communications, è studiato per ora su animali per alcuni virus influenzali e non per il coronavirus Sars-Cov-2. Tuttavia gli autori indicano in una nota sulla pagina della loro università che la nuova terapia potrebbe avere effetti anche su altre infezioni, incluso il Covid-19.

Un trattamento contro l’influenza

I ricercatori hanno prodotto una piccola molecola che combina due composti già esistenti. Uno è un antivirale, chiamato zanamivir, che appartiene alla categoria degli inibitori delle neuraminidasi, enzimi espressi sulla superficie dei virus influenzali. Questo farmaco è già utilizzato nella profilassi e nel trattamento dell’influenza A e B. Il secondo composto appartiene agli apteni, piccole molecole che se legate ad altri specifici composti detti carrier (trasportatori) riescono a stimolare una risposta immunitaria e in particolare la produzione di anticorpi specifici contro i virus influenzali.

Un nuovo approccio

Gli scienziati spiegano che hanno utilizzato un approccio diverso da quello comunemente utilizzato, che intende colpire soltanto le cellule già infette e non anche quelle sane. I virus influenzali – ma non solo quelli – esportano le loro proteine sulla superficie delle cellule dell’organismo, infettandole – nel caso del Sars-Cov-2 la proteina che assume un ruolo chiave è la spike, insieme alla Ace2, che invece non fa parte del virus ma è ancorato alla cellula. Queste proteine virali, dunque, sono presenti solo sulle cellule colpite e non su quelle non infettate. L’dea dei ricercatori è di creare un composto che riconosca la presenza delle proteine dei virus influenzali e invii il farmaco in grado di stimolare la risposta immunitaria soltanto nei tessuti malati, risparmiando quelli sani.

La scelta è di partire dai virus dell’influenza. “Questo”, ha spiegato Philip S. Low, professore di Chimico alla Purdue University, “perché i risultati sui virus influenzali possono spesso essere applicati anche ad altri virus rivestiti da un involucro (in inglese envelope) – solo alcuni virus, fra cui il Sars-Cov-2, presentano questa caratteristica.

I risultati

I ricercatori hanno mostrato che la combinazione dell’antivirale con la molecola che, se legata, stimola una risposta immunitaria è efficace è efficace sia nel prevenire l’infezione sia nell’eliminazione del virus nelle cellule infettate. Somministrando a topi una dose di virus influenzale molto elevata, superiore a quella stimata come letale, il farmaco è riuscita a eradicare infezioni avanzate legate a virus influenzali di tipo A e di tipo B. “I nostri risultati – aggiunge Low – mostrano che il processo è efficace in topi con l’influenza cui è stata somministrata una dose di virus 100 volte maggiore di quella letale”.

La ricerca è preliminare, anche perché ancora condotta su animali e non su volontari umani, tuttavia fornisce una prima indicazione della validità di questo approccio, che secondo gli autori potrebbe essere studiato anche contro il Covid-19, l’epatite B, l’infezione da hiv e il virus respiratorio sinciziale umano, causa della bronchiolite e della polmonite infantile.

Fonte: Wired.it

Exit mobile version